Curriculum

Janos Hasur, violinista ungherese, nato a Budapest ha cominciato la sua carriera violinistica chiedendo un violino dai genitori per Natale. Aveva 4 anni. Il violino agognato lo ricevette due anni dopo. Dopo le scuole primarie continua i suoi studi nel Conservatorio Bela Bartok di Budapest, poi all’Accademia della Musica “Liszt Ferenc” di Pécs. Qui si laurea nel 1971. Professore di violino a Kaposvàr, primo violino dell’Orchestra Sinfonica di Kaposvàr, anche dell’ Orchestra del Teatro Csiky Gergely di Kaposvàr, quando un nastro con le musiche violinistiche popolari fa cambiare la sua carriera di musicista classico. Nel 1975 lo invitano nel più celebre gruppo Vizonto, che era tra i migliori del “folk revival”. Dal 1988 – parallelamente è membro dell’ altro gruppo d’avantguardia del folk ungherese: Kolinda. Con loro fa concerti, nei quattro angoli del mondo, suonando nelle sale di concerto piu reputate d’Europa e non solo, conquistando applausi e reputazione per la musica popolare ungherese.

Sempre sotto la sua direzione artistica il gruppo Vizonto rimane tuttora un’mportante fattore della musica folk ungherese! Nel 2005 hanno dato un concerto indimenticabile al Mittelfest (Cividale del Friuli) con il celebrissimo cantante ungherese: Marta Sebestyèn (La voce di BO di Inglese Paziente)!
Un anno dopo nel 2006 un altro importante progetto di Janos: un concerto di VIZONTO – MUZSIKAS (quest’ultimo è l’altra gigante del folk ungherese – rappresentante della linea tradizionale).

Dal 1996 Janos è il primo violinista dello Stage Orchestra (ex-TeaterOrchestra) della compania del teatro ebreo di Moni Ovadia.
La sua carriera , come solista comincia nel 1999, a Brescia, in seguito in 2000 appare il su CD “Violino solo”, e da allora, dà concerti da solo più o meno frequentemente con le musiche violinistiche popolari ungheresi, transilvane, rumene, bulgare, - e klezmer. Non solo in Italia ma anche in Belgio, Svizzera, Austria, Francia hanno applauso i suoi concerti.

La su “formula” Gulash-Violino e Racconti, un’occassione di fare scoprire al pubblico il suo talento culinare e musicale, con un repertorio meticolosamente scelto dalla sua terra natale. Ma non solo folklore, lo stesso dà concerti di musica classica, con una predilezione per i “suites per violoncello”di J.S.Bach, di cui esegue brillantemente la trascrizione per violino! E quando il pubblico lo ispira, lui si avventura volontieri nel suonare qualche accordo pop preso dai Beatles condito con “salsa tzigana”. Ha procurato tanti “fan”, con la sua voce inimitabilmente dolce del suo violino, tra cui Moni Ovadia che ha detto cosi: “ Janos, il tuo colpo d’arco è unico!

   Copyright © Laudo srl. 2009